GLOSSARIO - AMBIENTAZIONE E STORIA

Ambientazione e Storia

Racconto del Maestro Williams

Avvenimenti Importanti


Ambientazione e Storia

Ambientazione: tra storia e fantasia.

Arisen è un Gioco di Ruolo Play by Chat fantasy classico in cui convivono più o meno pacificamente poteri mistici e magici, ricerca scientifica, arte, cultura, commercio ed esplorazioni in un contesto storico di riferimento che nella realtà potrebbe essere sommariamente individuato nel lungo periodo che rappresenta la fine del Medioevo e l'Illuminismo Europeo, da considerarsi in maniera dinamica, tenendo da conto e dedicando particolare attenzione anche al periodo Rinascimentale intermedio.

Questo periodo storico di riferimento è stato scelto con cura in quanto caratterizzato dalla delicata quanto affascinante convivenza fra riferimenti religiosi (che tendono ad interpretare la realtà secondo il volere degli Dèi) e gli sviluppi del sapere e della conoscenza che, talvolta, rivendicano la propria libertà da dogmi e culti, incentrando le proprie attività sul ragionamento e la ricerca. È in questo contesto evolutivo che gli abitanti di Arisen convivono fra di loro, devoti ad Esseri superiori - buoni, neutrali o malvagi - legati alle forze della Vita, della Morte o ancora dello Spirito. Approcci che si accostano alla fruizione di energie arcane in grado di offrire a chi le padroneggia poteri sovrannaturali sono anch'essi da tenere in considerazione, e tutto ciò, assieme a filosofie volte all'approfondimento delle conoscenze relative al funzionamento della realtà così come appare, attraverso metodi ancora non propriamente definibili scientifici ma che progressivamente si avvicinano ad esserlo attraverso la pratica e la sperimentazione.
Tra queste creature si può creare in qualche occasione un forte attrito, ma anche insospettabili e inattese alleanze in un gioco di equilibri e convenienze ancora tutte da scoprire.

Il quadro appena descritto, si arricchisce ulteriormente, considerando le istanze e le peculiarità che ciascuna razza tra quelle presenti nell'ambientazione, può portare con sè in termini di approccio alla realtà e alle forze arcane ad essa sottese.
Il variopinto arazzo di modi di vedere e vivere il mondo di Arisen si intesse di altri aspetti connessi alla natura stessa di alcune razze di emanazione divina (Angeli e Demoni) o strettamente legate a specifici ambienti naturali (Nereidi e Alseidi, ad esempio, ma in qualche misura anche Likan, Elfi, Drow, Nani) che troveranno la loro più spontanea collocazione, scegliendo l'inclinazione, l'indole e infine la missione a cui dedicarsi esattamente come Mezzelfi, Umani e non ultimi i Vampiri.

Storia

Frammenti del passato - DreamOfYou

Sotto la guida della Nobiltà reggente, gli abitanti di DreamOfYou per lungo tempo hanno vissuto in pace e serenità. Le tre contee che formavano l'Impero - Ender, Elge e Isil - prosperavano e spesso ospitavano non solo comuni forestieri, ma anche coloro che fuggivano da terre più lontane e travagliate. Un giorno gli Dei temuti e venerati dalle genti di DreamOfYou però si riunirono in consiglio per decretare le sorti dei quella Landa mossi da motivi misteriosi che solo la Fede cieca riesce a concepire e comprendere.
Mentre viandanti e popolani conducevano la loro esistenza ignari della catastrofe che stava per sopraggiungere, qualcuno giunse in soccorso di quella popolazione, per offrire una speranza. E' così che Mastro Williams fece la sua comparsa ad Ender, proprio all'interno della Locanda del Viaggiatore. In molti rimasero sconcertati ed increduli delle sue parole: tutto stava per scomparire; nulla sarebbe stato come un tempo. Poco distante dalla stessa Locanda e visibile dalle sue finestre, dal nulla sorse imponente struttura, un portale in pietra nera con delle rune calde incise. Le voci si diffusero ad una velocità impressionante riportando quanto quell'Uomo aveva trasmesso: gli Dèi erano in collera con gli abitanti di DreamOfYou e avevano intenzione di punirli per le numerose trasgressioni ed insubordinazioni commesse nel tempo verso le loro Entità; l'unica salvezza prospettata era quel portale suggerito da Mastro Williams, membro della Chiesa di Arisen. Nonostante il monito e quelle parole l'Imperatore DEVON inizialmente fu titubante all'idea dell'inviare il suo popolo verso l'ignoto: era vero quanto affermava e che quella era l'unica fonte di salvezza?

Quando la Luna si tinse di rosso, immagini premonitrici orride si dipinsero nelle menti degli abitanti: le fate venivano private delle oro ali e decapitate. Era il principio della fine? Vennero poi i terremoti: una ad una le tre contee furono rase al suolo dalla violenza improvvisa della terra. Le campane del tempio di Seraphis di Isil, del Tempio di Ares ad Elge risuonavano il grido di quella terra scossa alle fondamenta. Mastro Williams ancora apparve, questa volta al Tempio di Ares, rivelando ancora una volta la prospettiva di uno scenario apocalittico: i campi venivano distrutti da meteore infuocate che cadevano dal cielo. Mentre tutto cadeva a pezzi, compresi quei luoghi di culto, solo il Portale Magico sembrava rimanere intatto, risplendendo di luce propria. Fu dal portale che giunse Lothien che si presentò come Imperatrice di Arisen, un Impero che era disposto ad ospitare tutti i cittadini e coloro che cercavano la salvezza dalle catastrofi di DremOfYou.

La Contessa Kayshan fu la prima a varcare la soglia del portale e ad essere inghiottita dalla luce perlacea e magica che l'avrebbe trasportata altrove insieme a dei Legionari e Cittadini volontari per constatare la veridicità detta degli sconosciuti. Poi seguirono tutti gli altri. I più religiosi intravidero in ciò lo stesso disegno divino e quindi via via tutti la seguirono; coloro che non attraversarono il portale unidirezionale nell'immediato lo fecero nei giorni a venire. L'ultimo ad abbandonare DreamOfYou fu l'Imperatore Devon stesso, quando ormai dietro di sé non c'era altro che devastazione e morte.


Il Portale - Arisen

Attraverso il portale, creature fantastiche come Fate, Folletti e Grendel, si ritrovarono derubate dei propri poteri. Presto tutti gli scampati alla catastrofe si ritrovarono in un nuovo Impero che ricordava la loro vecchia casa: Lothien aveva trasformato Arisen più similmente possibile a DreamOfYou, concentrando però le tre Città storiche in un'unica metropoli, sita non lontano dalle loro stesse rovine ormai vecchie di centinaia d'anni.
Misericordiosa, gentile e premurosa, l'Imperatrice stessa disse di aver voluto rendere il posto più simile possibile a quello a cui erano abituati gli esuli, proprio per evitare ulteriori disagi che potessero sommarsi alle sofferenze che avevano già dovuto sopportare, avendo perso non solo i propri averi ma anche e soprattutto cari che non ce l'avevano fatta.

Nonostante la cordialità e disponibilità del popolo, alle menti più sveglie apparve evidente che le tecnologie e le conoscenze presenti nella Capitale risultassero ai loro occhi le medesime che era possibile trovare su DreamOfYou, una cosa molto strana considerando il fatto che si tratta di un mondo in evoluzione. Inoltre approdano anche genti provenienti da altri luoghi, altri tempi, e per la maggior parte di loro i ricordi risultano assai confusi se non addirittura assenti. E' possibile che tante cure siano solo un'abile maschera d'altro misterioso scopo?


Frammenti del passato - Arisen

Viaggiatore, se stai leggendo questo messaggio è perché ti trovi all'ingresso della città di Arisen. Non far caso alla mia calligrafia è stato difficile incidere questa teca di legno e ti invito caldamente a non toccarla perché sicuramente ti feriresti con tutte queste schegge che ne escono. Ti dó il mio personale benvenuto in questa terra piena di misteri. Non giudicare mai dalla prima impressione perché si sà che questa è sempre quella più errata, sii curioso, sii parte di questo mondo e ti posso assicurare che ne rimarrai entusiasta.

Ti voglio avvisare però che tutto non è come sembra e tutto, se pur non si direbbe, ha un motivo del perché esiste. Il mio nome risuonerà più e più volte nella tua mente perché sentirai parlare di me nelle locande, nei giardini e nei castelli. Nel mio piccolo sarò una guida per te, viaggiatore, che ti aiuterà e ti racconterà ciò che successe quando l'ira degli dei si scatenò su di noi. Non promette bene vero? Ma non preoccuparti gli dei sono misericordiosi ed ora vige la pace, almeno finché \/\/\/\/\/\/\/ non si disseterà nuovamente.

Se ti ho incuriosito ed hai voglia di leggere ancora un pò, puoi farlo recandoti in questo posto, ma per trovare tutte le risposte ti consiglio di cercare gli echi della mia famiglia in manufatti rari di cui te ne lascio la lista qui sotto:


Anello della chiesa

Bracciale di famiglia

Calamo dell'Imperatore

Calice della chiesa

Cannocchiale

Cappio

Cordone ombelicale

Esperimento numero 27

Essenza del piccolo popolo

Falce rotta

Fiala d'essenza divina

Frammento del Portale

Gessetto bianco

Laccio rosso

Lanterna

Lettera n 1 di DEVON HARSHER

Libro della chiesa

Moneta di DreamOfYou

Pacchetto regalo

Pala in ferro

Pietra arancione

Piuma

Preparato verdastro

Quadro dell'Imperatore Devon

Rosa di Devon

Ora varca le porte e che la \/\/\/\/\/\/ ti guidi.

Mastro Williams.


Racconto del Maestro Williams

“Un bagliore di luce s’intravede in quella fitta nebbia di detriti che pervade la zona della Piazza Centrale di Ender. Bianca, a cono, ne illumina esattamente il centro dove un bambino, in posizione supina, rannicchiato sulle sue, piange ormai rassegnato a ciò che gli sta accadendo attorno. Tutti gli abitanti fuggono disordinatamente, i famigliari si prendono per mano, gli sconosciuti si strattonano, gli avari cercano di accaparrarsi quanti più averi abbandonati possono trasportare. I capifamiglia trascinano carretti pieni fino a scoppiare, li trainano facendo fatica mentre rassicurano le loro mogli con parole di conforto. Ed ecco un altro crollo, accompagnato da una scossa sismica. La locanda del viaggiatore…ne rimane soltanto l’insegna, adagiata a terra, sopra un cumulo di macerie. Provenienti da ovest, i rintocchi delle campane del Monastero di Ares: l'assordante suono, trasportato dal vento, ne preannuncia l'imminente scomparsa. Anche la cattedrale di Seraphis suona l'ultimo rintocco accompagnato dal fruscio degli alberi di ciliegio che si spezzano. Il cielo è rosso. È quasi notte e le strade sono illuminate dai tanti piccoli lucernari stretti nelle mani della popolazione: un’enorme fila di persone si districa lungo la contea di Ender, tutti diretti verso la stessa meta. C'è chi continua a gridare e chi, invece, non smette di fare il suo lavoro: pittori, musicisti compongono la loro arte accompagnando la fine di quell'Impero e l'avvento della nuova rinascita: Arisen. L'Imperatore è immobile accanto ad una delle due enormi colonne che sorreggono una massa fluida inconsistente illuminata di un bianco spettrale. Attraverso di essa s’intravede un cielo sereno, un castello e la figura di una donna. Uno specchio verso il futuro che attende che ogni singolo cittadino varchi quella soglia. Accanto a lui c'è la Contessa. Un'altra campana. Questa volta è il Tempio di Ade che viene inghiottito dal suo mondo precipitando nella profondità degli inferi. Tutti gli edifici crollano, distrutti uno dopo l'altro come pilotati dal volere del Destino. Delle Contee rimangono solo tre rovine malinconiche.”

- Aspetta un secondo mastro Williams! Ma perché le divinità hanno deciso di radere al suolo DreamOfYou?" - chiede il ragazzo che ascolta la storia raccontata dall'Arcimago.
- In verità, se mi lasci proseguire nel racconto, lo capirai da solo. Fai come la tua amica qui, che ascolta in silenzio" - dice indicando la ragazza seduta a gambe conserte difronte a lui.

“Fino all'ultimo, i nobili attendono voltandosi poi verso il portale. Nell’apprestarsi a compiere il loro ultimo e primo passo, i loro volti sono illuminati dalla luce bianca, pallida e triste. Non lasciano trasparire alcuna emozione. Ancora qualche secondo di esitazione e poi via! Entrambi socchiudono gli occhi, un altro passo e vengono inghiottiti da quella melma. La piazza è ora deserta e illuminata dall’ultimo piccolo cono di luce proveniente dal portale, che pian piano si affievolisce. L'ombra dei due nobili è l'ultima impronta lasciata ad Ender che ora sparisce, assieme alla luce che si chiude a sipario. Buio accecante ed assordante silenzio. Ender, Isil ed Elge non esistono più.”

Williams rimane in silenzio: per qualche attimo osserva i volti tristi dei due ragazzi.
- Wow - si lascia sfuggire la ragazza tappandosi poco dopo la bocca con entrambe le mani.

“Dall'altra parte, ad attenderli, la nostra Imperatrice Lothien. Si, proprio lei in persona. Ha accolto le loro genti, il popolo di DreamOfYou, senza esitazione alcuna, senza timore, speranzosa di riuscire nel suo intento benevolo: quello di salvaguardare la vita e la prolificazione di tutti i cittadini dell'Impero di cui questa Arisen ne è la capitale. La sua generosità è stata così grande che alcuni abitanti sospettano ci sia qualcosa di misterioso, losco, ben nascosto tra le vie di Arisen.”

- Ricordate Lutus? - chiede ai due osservandoli.
- Certo! Il vostro allievo che è stato giustiziato per aver screditato ed umiliato in pubblica piazza l'Imperatrice - dice il ragazzo.
- Bravo - l'arcimago s’inchina di più verso i due e, quasi sussurrando, aggiunge
- Alcune voci dicono abbia disseminato l'Impero di indizi che, uniti assieme, raccontano la vera storia di Arisen e del suo popolo, quello che successe realmente e perché la nostra amata Imperatrice ha accolto la nuova gente tra noi. –
Si rimette composto e strizza l'occhio ai due promettenti ragazzi.

- Per tutti gli Angeli di Seraphis - impreca il ragazzo, subito interrotto.
- Modera le parole Morlerild - sentenzia Williams additandolo.
- Riprendiamo da dove eravamo rimasti. -

Lothien prese al suo fianco l'Imperatore DEVON, mantenendo della sua nobiltà i ranghi e promuovendo a consiglieri i suoi Governatori. Al suo popolo fu concesso di portare alcuni averi e le ricchezze possedute in modo da ricominciare da zero, in un nuovo luogo, senza difficoltà. Certo passò un po' di tempo prima che la popolazione di DreamOfYou si adattasse alle nostre usanze, ma oggi riusciamo a convivere senza particolari problemi.

Come ben sapete, l'Imperatrice ha diviso il nostro popolo in sei macro classi di competenza:
1) Il Mago, coloro che sono riusciti a manipolare il potenziale e tutto ciò che vi è intorno a loro.
2) L'Artista, riconosciuti per le loro capacità artistiche, sono in grado di far nascere negli spettatori svariate emozioni anche contrastanti.
3) Il Mistico, coloro che misero al servizio delle Divinità la propria esistenza, facendo a questi da tramite nel mondo terreno. Non vedono di buon occhio chi pratica la magia, ritenendola una pratica aberrante.
4) Il Guerriero, coloro che hanno decidono di impugnare le armi al servizio dell´Impero o addirittura per ideali che vanno contro di questo, come Mercenari, Cavalieri, Arcieri e Barbari.
5) La canaglia, i così detti malviventi che, grazie alla propria astuzia e capacità, sono in grado di confondersi tra la folla per portare a termine la propria missione.
6) Lo Studioso, riconosciuti anche per la loro dialettica, si contraddistinguono per la loro grande conoscenza in diversi ambiti.

Ognuna di queste classi possiede delle capacità uniche che li contraddistingue e sviluppate quando l'uomo decise di ascendere al potere divino.

Si esatto, avete capito bene. Prima della nascita di Arisen, l’uomo disse: “Sia epica l’ascesa della nostra rinascita!”.
E così, per molti anni a seguire, l’uomo imparò ad essere indipendente dalle divinità, capì che tutto ciò che era in grado di fare non era grazie al Dio ma alla sua capacità, alle sue forze ed al suo coraggio. Questo non gli bastò: cercò per secoli il modo di acquisire la completa conoscenza delle divinità, il loro potere. Sperimentando ed addirittura sacrificando parte della popolazione.

Un giorno, l’uomo trovò il modo di trascendere il potere divino, sacrificando ed eliminando le razze che possedevano, già in natura, alcune delle peculiarità divine, portando all’estinzione Fate, Folletti, Grendel. Imparò a parlare con la mente, imparò a trasformarsi, imparò a nutrirsi dalla natura. Tuttavia l’acquisizione di questo nuovo potere celava ancora delle imperfezioni: gli umani nascevano malati e storpi, invecchiavano precocemente e le razze semi divine ormai erano estinte.
Il mondo divenne cupo, fatto di caccia e paura. I cittadini si nascondevano nello loro case per sfuggire alle tremende torture che avevano come fine unico la sperimentazione.

Seraphis versò lacrime per quello che ormai l’uomo era diventato. Ares fu accecato dalla rabbia. Insieme, per la prima volta dopo la loro ascesa nei cieli, decisero di porre fine a ciò che avevano creato. Era giunto il momento di cancellare tutto e ricominciare da capo. Fu allora che iniziarono a tessere la trama risolutoria. Gaia, Karon e Ade li aiutarono a trascendere il tempo. Prima che la corruzione dell’uomo avesse inizio, distrussero tutto per evitare che le generazioni a venire compiessero l’oltraggio. Nel presente, non potendo contrastare i poteri che gli umani avevano acquisito, optarono per una pena ancora peggiore della distruzione: aiutati da Angeli e Demoni, e utilizzando l’essenza della quale erano composti, generarono la pandemia più grande e crudele mai vista.

- Mastro Williams che tipo di malattia era quella della pandemia? - chiede la ragazza.
- Non lo sappiamo –
- Noi siamo ancora qui...io vi racconto ciò che i libri della storia narrano. - evitando il discorso e stringendo un pugno chiuso, osserva Lilith con amore, un amore paterno. Sospira.
- Sai, credo che avresti avuto l'età di mia figlia. Ci tengo molto a te ma non vorrei che la tua curiosità ti portasse in luoghi dove non dovresti essere. -
- D'accordo Williams - gli occhi azzurri di lei lo guardano, con rancore, piegando leggermente la testa in segno di rispetto.
- Maestro?- accenna Harsher.
- Si dimmi Morlerild...- con tono pacato.
- Sai dov'è mio padre?
- Sono proprio qui.
Una voce alle spalle di Morlerild. È l'Imperatore, con affianco Lothien, che arriva sorridendo.
- Williams, spero che questo ragazzino non ti abbia fatto impazzire!- esclama il Nobile accarezzando la testa del giovane.


Avvenimenti importanti

... in costruzione ...